lavoro

FORMAZIONE PROFESSIONALE…

Della serie non si smette mai di imparare…
terminato il contratto nel POSTO FANTASTICO io e la mia “collega preferita” e compagna di avventure/sventure, abbiamo deciso di iscriverci ad uno di quei corsi professionali per disoccupati finanziati dalla regione.

…anche perché dei 6 bidonati noi due siamo le più “anzianotte”, il mondo del lavoro è davvero assurdo, passi la maggior parte del tuo tempo ad essere considerata troppo giovane ma quando improvvisamente resti disoccupata ti senti immediatamente troppo vecchia e poco competitiva perchè una nuova azienda ti prenda in considerazione.
Così è iniziata la caccia al corso di formazione professionale più appetibile nel merato del lavoro, adatto alle nostre competenze, che ampliasse il nostro profilo professionale e che, cosa da non poco conto fosse FINANZIATO!
Devo ammettere che tra i vari enti l’elenco delle opportunità formative è davvero ampio…peccato che:
c’è la crisi e di conseguenza figuriamoci se la regione ha la benché minima intenzione di approvare corsi professionale per noi insulsi disoccupati (questo era quello che ci dicevano tutti e invece qualcosa si sta smuovendo)…
il corso che abbiamo scelto è stata l’opzione di altri millemila disoccupati per un numero di posti limitatissimo e così ,anche in questo caso, come per un posto di lavoro, bisogna passare da colloqui motivazionali!
Fatto sta che siamo state convocate per il colloquio di selezione e così la guerra alla conquista del nostro banchetto di scuola tra sedici disponibili è cominciata.

E’ stato subito rassicurante sapere che la scelta non era dettata da nessuna caratteristica particolare ma tra tutti i possibili candidati i selezionatori giudicano chi è più o meno idoneo.

Quindi speri vivamente di risultare abbastanza simpatica, vestita quantomeno decentemente e del gusto del selezionatore, di avere lo smalto giusto, le scarpe adatte o una borsa di gradimento, che il trucco non sia sbavato e che i capelli tengano la piega…e se quelli che portano gli occhiali non fossero ben accetti?
No perché io sul lavoro li indosso sempre (odi et amo del computer) ma non vorrei che avessero compromesso la mia partecipazione al corso di ben 600 ore più altre 300 di stage!!!

Cosa ci si riduce a pensare…

Come se non bastasse si scopre che a questi corsi PER DISOCCUPATI si siano pre-iscritti anche laureati!

Adesso diamo una definizione di DISOCCUPATO…
per me  dicesi DISOCCUPATO una persona che aveva un lavoro e adesso non ce la più e che, per riqualificarsi, decide di fare un corso di formazione professionale finanziato dalla regione (è un disoccupato, non può spendere migliaia di euro in corsi privati) che ti da la possibilità di fare uno stage presso un’azienda con l’eventualità che l’azienda stessa ti tenga.

Nella categoria sopra descritta non rientrano le persone che dopo la maturità (scolastica) hanno passato 10 anni della loro vita a frequentare corsi universitari, finanziati da mamma e papà, senza conciliare la cosa con uno straccio di lavoro…
che li facciano loro i corsi a pagamento!

No no no, questi soggetti dovrebbero essere esclusi a prescindere…
Non mi resta che affidarmi alla buona sorte!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...